Biofiltri e codici CER: lo smaltimento dei materiali filtranti esausti

da | Gen 12, 2021 | Materiali Filtranti, Senza categoria | 0 commenti

Come qualunque oggetto o impianto, anche i biofiltri, al termine della loro vita utile, diventano dei rifiuti. In quanto tali, devono subire un processo di smaltimento che passa attraverso uno o più codici CER, ovvero quel catalogo nazionale che racchiude, entro un numero finito di categorie, tutti i possibili rifiuti prodotti.



Il concetto di “rifiuto”

Se si dovesse dare una definizione universale di rifiuto, probabilmente non se ne troverebbe una più idonea di quella pronunciata dalla Direttiva Europea 75/442/CEE, che nell’Articolo 1 stabilisce:

Per “rifiuti” si intende qualsiasi sostanza od oggetto di cui il detentore si disfi o abbia l’obbligo di disfarsi secondo le disposizioni nazionali vigenti;

Secondo questa definizione, quindi, il concetto di rifiuto non è univoco: può assumere infatti un significato oggettivo (quando si è obbligati, per esempio dalla legge, a disfarsi di qualcosa), oppure può essere soggettivo (quando, in maniera totalmente arbitraria e volontaria, si decide di disfarsi di qualcosa). Dunque, nel caso di assenza di norme/ leggi/ prescrizioni, è il detentore dell’oggetto che decide, ad un certo punto, di considerare tale oggetto un rifiuto. A quel punto, sorge spontanea la domanda: come posso disfarmene?

I codici CER

Tutti i rifiuti sono catalogati secondo una sequenza di codici, chiamati CER (Codice Europeo dei Rifiuti). Questi codici sono sequenze numeriche di 6 cifre, univoche e riunite in coppie, istituiti per la prima volta dall’Unione Europea con la Decisione 2000/532/CE. La lista dei codici CER è stata poi recepita in Italia a partire dal 1° gennaio 2002 e introdotta nella legislazione attraverso il Dlgs 152/2006 (il famoso Testo Unico Ambiente), tra gli Allegati alla Parte Quarta.

Ogni codice CER, quindi, identifica un particolare rifiuto, di solito riferendosi al ciclo produttivo che lo ha prodotto: per esempio, la sigla 15 00 00 identifica la classe di rifiuti degli imballaggi, assorbenti, stracci, materiali filtranti e indumenti protettivi. Dunque, ogni materiale che rientri in questa categoria dovrà essere conferito a impianti o smaltito da enti che sono autorizzati, per legge, a gestire questo codice. La procedura quindi è semplice:

  • Il produttore di rifiuti conferisce autonomamente, o per mezzo di altri (“trasportatori”) gli oggetti/manufatti/sostanze di cui vuole liberarsi.
  • I centri di smaltimento e recupero accettano solo quei rifiuti rientranti nelle categorie CER delle proprie autorizzazioni.

Impianti di biofiltrazione e codici CER

I biofiltri non hanno una data di scadenza, ma quando le efficienze calano notevolmente rispetto agli standard occorre provvedere al ripristino del letto filtrante. In questo senso, bisogna considerare che sarà necessario svuotare tutto il biofiltro dal materiale esausto, e tale quantità dovrà essere rimossa al più presto dall’impianto, onde evitare disagi e impedimenti alla libera circolazione.

Tuttavia, oltre al rifiuto costituito dal materiale filtrante esausto (ormai simile ad un terriccio), possono essere presenti anche altre tipologie di rifiuti, rappresentate da tutti quegli elementi accessori o “di contorno”, che concorrono alla costruzione di un biofiltro vero e proprio. Per esempio, guaine in PEHD a coprire le superficie laterali dei muri in calcestruzzo dei biofiltri, oppure tubi in gomma e ugelli metallici per il sistema di irrigazione, griglie e piedini in RPE a formare il plenum, e possibilmente altri rifiuti a seconda delle condizioni dell’impianto e delle necessità.

Di seguito un breve elenco dei possibili rifiuti provenienti da impianti di biofiltrazione:

Componente CER. Note
Materiale filtrante esausto150203 oppure
160306
Prima dello smaltimento occorre effettuare un’analisi chimica su un campione del materiale filtrante, per stabilirne il contenuto analitico di eventuali sostanze pericolose. In caso di concentrazioni elevate il rifiuto può essere considerato pericoloso, dunque 150203* (molto raramente) oppure 160305*.
Guaina perimetrale 150102Le guaine sono generalmente realizzate in PE, quindi possono essere conferite ad impianti che si occupano di plastica (consorzio Corepla)
Plenum-grigliato in plastica150102 Le griglie e i piedini di appoggio che formano il plenum possono essere conferite presso gli stessi impianti di cui sopra (Corepla)
Plenum- grigliato in calcestruzzo170101Le griglie realizzate tramite getto in opera di calcestruzzo, oppure con sistemi modulari in cemento, possono essere catalogate nella famiglia dei codici CER 17 00 00 /rifiuti di costruzioni e demolizioni)
Tubazioni per l’irrigazione in gomma070213Spesso i biofiltri sono irrigati per mezzo di tubi in gomma appoggiati direttamente sul biofiltro (irrigazione a goccia) oppure collegati ad ugelli (irrigazione a spruzzo).
Percolato190703Prima dello smaltimento presso opportuni impianti dedicati è opportuno effettuare un’analisi chimica su un campione, con l’obiettivo di determinare eventuali sostanze pericolose

Lo smaltimento dei rifiuti provenienti da biofiltri

Per realizzare lo smaltimento dei rifiuti prodotti da biofiltri, è bene innanzitutto capire quali siano le tipologie di rifiuto. Se infatti si tratta di un semplice ripristino del materiale filtrante, allora occorrerà disporre un servizio di prelievo e trasporto verso un impianto di smaltimento autorizzato a ricevere il rifiuto CER 150203. Prima ancora di movimentare il materiale, però, è necessario fare un’analisi chimica presso un laboratorio autorizzato, per stabilire la pericolosità o meno del rifiuto. In caso di rifiuto pericoloso questo verrà etichettato come 150203*. Invece, se si tratta di un’intera sostituzione dell’impianto, occorrerà valutare quali sono i materiali presenti (vedi tabella soprastante).

la proprietà che accomuna tutti i materiali è una sola: il PESO. Lo smaltimento del rifiuto sarà tanto più costoso quanto più pesante è il rifiuto da smaltire!


In sintesi

rifiuto CER 150203 (materiale filtrante)- biofiltrazione.it
Prelievo di un rifiuto 150203 (materiale filtrante) da un biofiltro
  • Gli impianti di biofiltrazione costituiscono un rifiuto solo quando il proprietario dell’impianto decide di sostituire il materiale filtrante, o quando determinate prescrizioni impongono il ripristino dell’impianto (per esempio ogni 2-3 anni);
  • I rifiuti presenti in un biofiltro sono rappresentati dal materiale filtrante esausto (in grossa maggioranza) e da elementi strutturali (griglie del plenum, guaine in plastica, eventuali tubi in acciaio o polipropilene, ecc);
  • Il materiale filtrante è solitamente catalogato come rifiuto 150203 non pericoloso: i centri di smaltimento di tale rifiuto lo smaltiscono a peso (tonnellata).
Cosa sono i codici CER?

I codici CER sono sigle numeriche di 6 cifre, riunite a coppie, che identificano in maniera univoca qualunque genere di rifiuto, in modo da poter semplificare e velocizzare il loro smaltimento.

Quali sono i rifiuti prodotti da un impianto di biofiltrazione?

Un impianto di biofiltrazione produce rifiuti sotto forma di materiale filtrante esausto (CER 150203) e elementi strutturali e accessori (guaine in plastica, griglie in PE, elementi in calcestruzzo, tubi in gomma o acciaio o plastica).

Quanto costa smaltire i rifiuti?

Il prezzo è ovviamente variabile a seconda delle quantità in gioco e delle condizioni dei rifiuti. Generalmente si considerano tariffe a tonnellata, variabili anche in base alle disponibilità degli stabilimenti di smaltimento presso cui si conferisce.

Quanto tempo impiega l’operazione di smaltimento?

Il tempo è variabile a seconda delle quantità di rifiuti in gioco, della loro composizione e accessibilità, dei macchinari necessari alla movimentazione e ancora, alle disponibilità degli impianti di smaltimento.

Chi regola la gestione e lo smaltimento dei rifiuti in Italia?

L’istituzione che in Italia controlla la gestione dei rifiuti è l’ISPRA, che dal 1988 ha istituito un Catasto Nazionale dei Rifiuti.

Problemi di Biofiltrazione?

Hai bisogno di un biofiltro per la tua azienda o stai cercando un consulente? Contattaci per ricevere il supporto dei profesionisti della biofiltrazione.

Biofiltri e codici CER: lo smaltimento dei materiali filtranti esausti

Come qualunque oggetto o impianto, anche i biofiltri, al termine della loro vita utile, diventano dei rifiuti. In quanto tali, devono subire un processo di smaltimento che passa attraverso uno o più codici CER, ovvero quel catalogo nazionale che racchiude, entro un...

Gli scrubbers

Gli scrubbers rappresentano una delle tecnologie più efficaci nel mondo dell'abbattimento degli inquinanti gassosi (tra cui gli odori). Il loro utilizzo nel campo della biofiltrazione è praticamente obbligatorio ma soprattutto conveniente, per tutta una serie di...

Materiali filtranti: caratteristiche e tipologie

Esistono molte tipologie di materiali filtranti utilizzabili in impianti di biofiltrazione. Ognuno di questi si può distinguere in base a diverse caratteristiche: natura del materiale, pezzatura, provenienza, porosità, capacità di trattenere l'acqua. Quindi esistono...

Le applicazioni della biofiltrazione

La produzione di odori molesti è una caratteristica di diversi impianti di trattamento della frazione organica e delle biomasse, ma non solo. In virtù di misure sempre più stringenti nel campo delle emissioni inquinanti in atmosfera, i settori che si rivolgono alla...

Progettare un impianto di biofiltrazione

Progettare un biofiltro richiede alcuni semplici passaggi per realizzare un impianto capace di abbattere gli odori e gli inquinanti gassosi. Vediamo quali sono i punti fondamentali da considerare durante il dimensionamento. Come si dimensiona un biofiltro? Immagine...

La manutenzione di un impianto di biofiltrazione

Nonostante la sua semplicità di gestione, un impianto di biofiltrazione può andare incontro ad alcuni problemi che potrebbero essere risolti attraverso semplici controlli settimanali o mensili. La manutenzione dell'impianto quindi, non va trascurata; vediamo quindi...

Biofiltrazione e qualità dell’aria

La biofiltrazione è una tecnologia di trattamento delle emissioni gassose da impianti di vario tipo. Sviluppata a partire dagli anni settanta soprattutto in Germania, consiste ad oggi nell'applicazione più diretta, efficace ed economica per l'abbattimento di sostanze...

La velocità dell’aria in uscita dal biofiltro

La velocità dell'effluente dal biofiltro è uno strumento indicativo del tempo di residenza medio dei gas; in generale, è consigliato che la velocità del flusso in uscita sia inferiore ad 1 metro al secondo. Cerchiamo di capirne il motivo. Perchè la velocità del flusso...

L’umidità nel biofiltro

L'umidità del biofiltro è sicuramente uno degli aspetti più importanti da considerare, insieme alla temperatura. In poche parole, basta ricordare che un biofiltro poco umido, o peggio, addirittura secco, è completamente inutile. Cerchiamo di capire come mai. Perché è...

La temperatura nel biofiltro

Un biofiltro è, a tutti gli effetti, un organismo vivente (o meglio, l'habitat di miliardi di microrganismi viventi) che deve mantenere, nel tempo e nello spazio, una temperatura tra 15 e 40 °C. Infatti, mentre le condizioni chimiche possono essere estremamente...

Contattaci per i tuoi problemi di Biofiltrazione

5 + 3 =